SEDE
Via Trieste, n° 2
53044 CHIUSI STAZIONE (SI)
Tel 0578 20048 - 21212
Fax 0578 21618
E-Mail: consorzio@bonificachiana.it
P.E.C.: consorziobonificachiana@postecert.it

SEDE DISTACCATA DI ORVIETO
Via Gramsci, n° 9
05018 ORVIETO
Tel. 0763 344623

ORARIO DI APERTURA AL PUBBLICO

Sede e Ufficio di Chiusi
dal lunedì al venerdì
dalle ore 8:00 alle ore 14:00

Sede di Orvieto
giovedì dalle ore 9:00 alle ore 13:00

Nel periodo di emissione delle cartelle l’ufficio rimarrà aperto anche nel giorno di martedì dalle ore 9,00 alle ore 13,00

Informazioni riguardanti i dati catastali e gli avvisi di pagamento emessi per la riscossione dei ruoli annuali sono ottenibili telefonando al:

Tel: 0578 21905

L’accesso al pubblico per l’ufficio catasto è previsto nei giorni

lunedì – mercoledì - venerdì dalle ore 8,00 alle ore 14:00 venerdì: 9.00 – 13.00

LAVORI REALIZZATI

Generalità
Le opere realizzate dal Consorzio nel comprensorio con il finanziamento pubblico e con la partecipazione delle proprietà consorziate si possono suddividere in tre grandi gruppi:
a) - opere di sistemazione idraulica ed idraulico - forestale, di difesa del suolo, di tutela dell'ambiente e di bonifica idraulica;
b) - opere irrigue;
c) - altre opere infrastrutturali civili.
Gli effetti che tale attività ha determinato e determina sullo sviluppo economico e sociale del comprensorio sono evidenti: il riscatto dell'impaludamento di gran parte del territorio di pianura; sicurezza idraulica anche da eventi di eccezionale intensità di tutti i terreni e beni soggiacenti ai corsi d'acqua; benefici economici derivanti dall'esistenza di una intensa viabilità minore; presenza continua del Consorzio nell'assistenza ai Consorziati per l'esecuzione di opere di competenza privata e per la salvaguardia delle opere di scolo principali e secondarie.
Infine il Consorzio, al passo con l’evolversi del territorio e delle tecnologie umane, continua i propri compiti istituzionali attraverso lo studio, l’individuazione e la progettazione di sempre nuove opere.

Opere realizzate
Le opere nel settore della bonifica idraulica tendenti a conferire al comprensorio la sicurezza idraulica e geologica sono state progettate ed eseguite dal Consorzio con continuità ed efficienza.
Gli interventi sono supportati dall'opera di manutenzione periodica che interessa principalmente i tratti vallivi della rete idraulica principale e che consiste nel diserbo meccanico delle sponde, decespugliamento, risezionamento degli alvei, ripresa di frane e fontanazzi e nel recupero di manufatti esistenti.
Per questo complesso di interventi il Consorzio, dalla sua costituzione ad oggi, ha sostenuto un costo pari ad un importo aggiornato all'attualità di Euro 60.000.000,00 circa in cui la manutenzione grava per circa il 15%.
L’elenco sintetico delle opere idrauliche che il Consorzio ha realizzato nel proprio comprensorio è riportato nei punti seguenti:
•  Sistemazione idraulico-forestale di tutti i bacini dei torrenti affluenti del fiume Chiani, fino al nodo idraulico di Fabro Scalo;
•  Sistemazione idraulica al 1° caso critico di pioggia degli alvei di pianura dei torrenti Argento e Fossalto, principali affluenti di destra del fiume Chiani;
•  Sistemazione idraulica al 3° - 4° caso critico di pioggia del fiume Chiani dall’origine alla confluenza con il torrente Ripignolo;
•  Sistemazione idraulica al 2° caso critico di pioggia del fiume Chiani dalla confluenza con il torrente Ripignolo al ponte di Olevole;
•  Sistemazione idraulica degli alvei di pianura dei torrenti affluenti di sinistra del fiume Chiani provenienti dai territori collinari di Città della Pieve e Monteleone;
•  Risagomatura ed adeguamento della sezione idrica di deflusso dei tratti vallivi dei torrenti Piandisette, Chieteno, Matera, Maltaiolo, Bargnano, Bagnaiola, Fossanova, Molinelle Pievesi, Case Venie, Tresa, Moiano, Maranzano ed altri corsi minori;
•  Sistemazione tratto di pianura torrente Romealla;
•  Lavori di difesa e trattenuta fosso delle Prese e San Giovanni;
•  Lavori di sistemazione tratto di pianura torrente Carcaione;
•  Sistemazione idraulica tratto di pianura torrente Rivarcale;
•  Regimazione idraulica tratto terminale fosso delle Prese;
•  Sistemazione tratto di pianura fosso Fanello;
•  Opere di difesa sul torrente Albergo la Nona;
•  Sistemazione idraulica dei torrenti Oriato e Foce;
•  Sistemazione idraulica al 3° e 4° caso critico di pioggia dell’asta valliva del torrente Astrone dalla confluenza con il canale Chianetta alla confluenza con il torrente Oriato;
•  Risagomatura e consolidamenti arginali del canale Chianetta dall’origine alla confluenza con il torrente Astrone;
•  Risagomatura e consolidamenti arginali dell’asta valliva del torrente Montelungo a monte della S.S. 146 (limite di classifica in seconda categoria) nonché opere di difesa e trattenuta nel bacino di formazione;
•  Opere di trattenuta della zona franosa gravante sull’abitato di Cetona nel bacino di formazione del torrente Maltaiolo;
•  Rinsaldamento delle pendici nelle zone calanchive di Fabro in località Bandita;
•  Sistemazione interferenza sul fosso Riosecco in Comune di Castel Viscardo con la strada provinciale per la frazione di Viceno.
•  Interventi diffusi di sistemazione nelle opere di scolo minori.
Prima di riportare l’elenco delle opere realizzate nella parte meridionale del comprensorio è opportuno rappresentare la situazione idraulica della zona.
Il sistema idraulico Chiani – Paglia, in termini generali, risulta inadeguato a contenere, senza esondazioni, le portate di piena di eventi caratterizzati da un tempo di ritorno che sulla base di dati storici, è comprenso tra un decennio e oltre i 200 anni.
In particolare il fiume Chiani è caratterizzato da un assetto idraulico nel quale la parte mediana dell’asta attraversa una pianura a scarsa pendenza, dove intensa è stata l’azione di bonifica per scopi agricoli e parallelamente per scopi di difesa delle grandi infrastrutture di interesse nazionale (Autostrada del Sole, Ferrovia lenta e direttissima Firenze – Roma, varie strade statali) e delle urbanizzazioni. Tale necessaria attività di bonifica ha comportato la realizzazione di un sistema idraulico fortemente canalizzato.
Dopo la località di Olevole, invece, il corso d’acqua è incassato in una valle relativamente stretta e a pendenza più accentuata.
Il Chiani, per la sua natura di corso d’acqua a regime “torrentizio”, ha portate idriche fortemente variabili nel tempo (basti pensare che al ponte di Morrano possono variare da 0,5 – 1 mc/sec. in estate, 50 – 100 mc/sec. in tardo autunno, fino a 890 mc/sec. registrate nell’evento catastrofico del 1965) strettamente dipendenti dal regime delle piogge.
Essendo il bacino prevalentemente impermeabile si ha una risposta impulsiva alle piogge stesse ed i deflussi seguono l’andamento delle precipitazioni con uno sfasamento, rispetto a queste, che dipende dalle condizioni stagionali del terreno e dalle portate di esaurimento.
Il fiume Chiani origina presso Ponticelli dalla confluenza del torrente Astrone (proveniente dalle alte colline di Chianciano – Sarteano) con il canale Chianetta (opera realizzata dallo Stato Pontificio e proveniente dallo spartiacque artificiale tra la Val di Chiana Romana e Toscana).
Nella piana di Ciconia in Comune di Orvieto si sviluppa il tratto finale dell’asta; in sinistra del corso d’acqua è insediato l’agglomerato urbano omonimo, attraversato anche dal fosso Carcaione, con una popolazione di circa 6.000 abitanti oltre alla presenza del polo scolastico e dell’Ospedale comprensoriale; in destra insistono insediamenti abitativi sparsi e gli impianti sportivi del Comune di Orvieto (vedi documentazione fotografica). Il numero complessivo di abitanti dell’area è di circa 10.000 con il contiguo centro di Orvieto Scalo.
Il Consorzio ha posto il problema della sicurezza idraulica dell’area sopra descritta sottostante il centro storico di Orvieto, coinvolgendo i soggetti interessati (Autorità di Bacino fiume Tevere, Regione, Comuni) e svolgendo in collaborazione con l’Università di Roma Tre una serie di studi con metodologie avanzate che hanno permesso l’individuazione, la progettazione ed esecuzione di opere di difesa per la mitigazione del rischio idraulico.
Dette opere, di cui di seguito si riporta l’elenco, hanno comportato un impegno economico di circa Euro 9.000.000,00:
•  interventi urgenti di difesa idraulica sul fiume Chiani:
•  cassa di espansione in località Molino di Bagni – Euro 1.700.000,00;
•  cassa di espansione in località Piana di Morrano – Euro 3.100.000,00;
•  difese passive a difesa dell’abitato di Ciconia, compreso il rifacimento del Ponte della S.S. 71 – Euro 2.100.000,00;
•  sistemazione idraulica torrente Albergo la Nona nel tratto attraversante l’abitato di Sferracavallo – Euro 770.000,00;
•  sistemazione idraulica del fosso dell’Abbadia nel tratto attraversante l’abitato di Orvieto Scalo – Euro 550.000,00;
•  sistemazione idraulica del fosso dei Frati nel tratto attraversante la zona industriale di Ponte Giulio – Euro 600.000,00.


Lavori ultimati nel corso dell’anno 2012:
•  Lavori urgenti per ripristino funzionalità idraulica torrente Maltaiolo in Comune di Cetona, per un importo complessivo di Euro 90.000,00;
•  Lavori urgenti per ripristino funzionalità impianto irriguo Consortile di Orvieto Scalo in Comune di Orvieto, per un importo complessivo di Euro 40.000,00;
•  Interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria nel fiume Chiani nel tratto classificato in 3a categoria, per un importo complessivo di Euro 70.000,00.

Lavori ultimati nel corso dell’anno 2011:
•  Interventi urgenti per la riduzione del rischio idraulico in varie località nella valle del fiume Chiani, per un importo complessivo di Euro 3.000.000,00;
•  Interventi di manutenzione straordinaria per il ripristino dell'officiosità idraulica nel fosso Albergo La Nona nel tratto compreso tra l'Autostrada A1 e la confluenza con il fiume Paglia, per un importo complessivo di Euro 171.495,97.

Lavori ultimati nel corso dell’anno 2010:
•  Lavori di manutenzione straordinaria torrente Chieteno dal confine di regione alla confluenza con il torrente Astrone in Comune di Città della Pieve – Euro 40.000,00;
•  Lavori di manutenzione ordinaria e straordinaria tratti vallivi dei fossi Molinella, Brecceto, del Lupo, Picchiarello e delle Monache in Comune di Città della Pieve – Euro 40.000,00;
•  Manutenzione ordinaria e straordinaria tratto di pianura torrente Tresa ed affluenti in Comune di Città della Pieve – Euro 98.471,00;
•  Ripristino funzionalità idraulica fosso Molin Martello in Comune di Sarteano – II stralcio – Euro 70.000,00;
•  Ripristino funzionalità idraulica fosso Molin Martello in Comune di Sarteano – I stralcio – Euro 103.291,38;
•  Lavori di sistemazione e di straordinaria manutenzione della pavimentazione di tratti di strada dell’Osteriaccia e del Felcino nel territorio del Comune di Città della Pieve – Euro 122.000,00.

Lavori ultimati nel corso dell’anno 2009:
• Interventi strutturali per la mitigazione del rischio idraulico nella pianura di Orvieto  consistenti  nella realizzazione di  difese arginali in sinistra idrografica del fiume Paglia e consolidamenti spondali in struttura di gabbioni sul fosso Carcaione nel tratto all’interno dell’abitato di Ciconia. L’importo complessivo dei lavori è pari a 1.342.787,94 €.
• Interventi migliorativi delle opere ai fini ambientali e di fruizione della cassa di espansione sul fiume Chiani in loc. Molino di Bagni. L’importo degli interventi è pari a € 220.656,24 e deriva dall’utilizzo di economie conseguite in sede di realizzazione degli interventi urgenti di difesa idraulica sul fiume Chiani  per la realizzazione della cassa di espansione in loc. Molino di Bagni. 
• Lavori previsti nell’ambito del Piano “Erosione spondale/officiosità idraulica” relativo agli interventi urgenti e necessari a fronteggiare il contesto di criticità determinatosi a seguito degli eventi atmosferici avversi del novembre 2005, in particolare:
- Manutenzione straordinaria sponde e ripristino capacità di deflusso in vari tratti del fiume Chiani nei Comuni di Orvieto, Parrano, Fabro, per un importo complessivo di Euro 50.000,00. 
- Svuotamento bacini di decantazione e ripristino capacità di deflusso fossi San Marco, Borgone e Noce nei Comuni di Ficulle e Fabro, per un importo complessivo di Euro 75.000,00. 
- Svuotamento bacini di decantazione e ripristino capacità di deflusso torrente Piandisette in  Comune di Città della Pieve, per un importo complessivo di Euro 50.000,00.
- Riparazione briglia a valle ponte Strada del Felcino torrente Argento in Comune di Città della Pieve, per un importo complessivo di Euro 130.000,00.
- Stabilizzazione alveo fosso Rio Secco a monte dell’esistente attraversamento in Comune di Castel Viscardo, per un importo complessivo di Euro 130.000,00.
- Rimozione detriti di sovralluvionamento e ripristino capacità di deflusso torrente Romealla in Comune di Orvieto, per un importo complessivo di Euro 40.000,00.
- Pulizia e risagomatura per ripristino capacità di deflusso fosso Grotte del Leone in Comune di Orvieto, per un importo complessivo di Euro 10.000,00.
- Protezioni spondali e ripristino capacità di deflusso nel tratto del fiume Paglia a valle della confluenza fosso della Sala nei Comuni di Orvieto e Ficulle, per un importo complessivo di Euro 280.000,00.
- Protezioni spondali e ripristino capacità di deflusso in vari tratti del fiume Paglia a valle dell’Autostrada A1 nei Comuni di Allerona, Orvieto e Castel Viscardo, per un importo complessivo di Euro 158.000,00.

Lavori ultimati nel corso dell’anno 2008:
• Interventi per la valorizzazione della sorgente Terme di Parrano, riqualificazione ambientale e sistemazione idraulica del fosso del Bagno a valle delle Tane del Diavolo, per un importo complessivo di circa 400.000,00 Euro, nell’ambito di un Accordo di Programma con il Comune di Parrano. Tali opere  hanno permesso l’integrazione dell’attuale sorgente sul fosso Del Bagno, la riqualificazione dell’attuale opera di presa e la costruzione di vasche per la fruizione della risorsa termale.
• Interventi per riutilizzo acque reflue mediante condotta e vasche di accumulo ad uso irriguo, per un importo complessivo di Euro 570.000,00. L’intervento è stato realizzato nell’ambito di una convenzione stipulata con la A.A.T.O. – Umbria 2, ed è consistito nella costruzione di opere per l’utilizzazione irrigua delle acque reflue dell’impianto di depurazione di Orvieto, su un’area della superficie di circa 80 ha in prossimità di Orvieto Scalo, che si sviluppa in destra del fiume Paglia.

L'irrigazione
Pur non introducendo il presente Piano di Classifica modifiche nei criteri di riparto del contributo irriguo, si ritiene opportuno descrivere l’attività svolta dal Consorzio in tale contesto.
Nel comprensorio consortile non ci sono corsi d'acqua dotati di portate costanti durante l'arco dell'anno pertanto il reperimento della risorsa idrica ai fini irrigui costituisce un limite allo sviluppo della pratica irrigua e con essa al decollo di un'agricoltura volta a produzioni qualitativamente e quantitativamente migliori.
Nonostante ciò il Consorzio si è attivato anche nel settore dell'irrigazione attraverso la realizzazione di alcuni impianti e la progettazione di una diga che potrebbe garantire l'invaso dei volumi necessari all'estendimento degli impianti su una superficie notevole dei terreni suscettibili ad essere irrigati.
L'esecuzione delle opere irrigue di seguito descritte ha comportato un costo aggiornato all'attualità pari a circa Euro 3.000.000,00.

IMPIANTO OCOMPRENSORIO

SUP. TERRITORIALE (ha)

SUP. DOMINATA (ha)

SUP. IRRIGABILE (ha)

SUP.
IRRIGATA (ha)

TIPO DI DISTRIBUZIONE

FOSSALTO

190

190

190

190

PRESSIONE

ASTRONE

105

105

105

105

PRESSIONE

SFERRACAVALLO

107

107

107

107

PELO LIBERO

ORVIETO SCALO

80

80

80

80

PRESSIONE

TOTALI

482

482

482

482

MISTO


IMPIANTO O COMPRENSORIO  SUP. TERRITORIALE (ha)  SUP. DOMINATA (ha)  SUP. IRRIGABILE (ha)  SUP.
IRRIGATA (ha)  TIPO DI DISTRIBUZIONE
FOSSALTO  190 190 190 190 PRESSIONE
ASTRONE  105 105 105 105 PRESSIONE
SFERRACAVALLO  107 107 107 107 PELO LIBERO
ORVIETO SCALO  80 80  80  80  PRESSIONE
TOTALI  482 482 482 482 MISTO


Fossalto è la denominazione di un impianto con distribuzione a pioggia che ha permesso l'esercizio della pratica irrigua fin dal 1985, in anticipazione ad un vasto piano irriguo, esteso su un comprensorio di circa 200 ettari ricadente in agro di Fabro, Monteleone d'Orvieto e Città della Pieve. La risorsa idrica è attinta dalla falda subalvea dell'omonimo torrente, quindi sollevata ed immagazzinata in una vasca di compenso in quota, dalla quale si diparte la rete di adduzione e distribuzione che alimenta i vari comizi irrigui.

Astrone è un impianto che potrà arrivare ad irrigare circa 300 ettari ricadenti in agro di Città della Pieve; attualmente sono in fase di ultimazione i lavori che permettono l'entrata in esercizio della pratica irrigua su un comprensorio di 120 ettari. La riserva idrica, in parte derivata dalla portata del torrente Astrone ed in parte dalla falda, viene sollevata ed immagazzinata in una vasca di carico e compenso in quota. Da tale vasca si diparte la rete di adduzione che alimenta i vari comizi irrigui.

Sferracavallo è un impianto irriguo sito in agro di Orvieto che domina una superficie di circa 125 ettari con distribuzione in canalette a pelo libero.

Orvieto Scalo è un impianto irriguo che utilizza i reflui del depuratore comunale di Orvieto e frazioni; domina una superficie di circa 80 ettari con distribuzione in pressione. I reflui vengono sollevati ed immagazzinati in due vasche di accumulo e compenso, provviste di annessi rispettivamente per l’alloggiamento della tubazione in arrivo e delle condotte di pescaggio per l’alimentazione dei rotoloni a media ed alta pressione.


Le altre opere
Tra le opere infrastrutturali volte al miglioramento delle condizioni sociali ed economiche del comprensorio il Consorzio ha realizzato circa 90 chilometri di strade e 18 chilometri di acquedotti.

Ciascun tratto di strada o di acquedotto realizzato è specificato nella seguente Tabella n° 16.
Tabella n° 16 - Opere infrastrutturali

PROVINCIA

OPERA

ENTITÀ (Km)

Perugia

strada delle Fossanova

3

Terni

strada dei Piani

14

Terni

strada dei Poggi

7

Terni

strada Capretta, Fornacette, Vigliano

6

Terni

strada dei Confini

2,5

Siena

strada della Montagna

12

Siena

strada delle Foce, Cartiera

6

Siena

strada di bonifica Maltaiolo, Astrone

9

Siena

strada dei Gonzarelli

2,5

Siena

strada Piandisette, Chieteno

3

Pg – Tr - Si

strada di Fondovalle

17

Pg – Tr - Si

strada del Felcino e delle Forconate

8

Siena

acquedotto rurale del Conicchio

18


PROVINCIA  OPERA  ENTITÀ (Km)
Perugia  strada delle Fossanova  3
Terni  strada dei Piani  14
Terni  strada dei Poggi  7
Terni  strada Capretta, Fornacette, Vigliano  6
Terni  strada dei Confini  2,5
Siena  strada della Montagna  12
Siena  strada delle Foce, Cartiera  6
Siena  strada di bonifica Maltaiolo, Astrone  9
Siena  strada dei Gonzarelli  2,5
Siena  strada Piandisette, Chieteno  3
Pg – Tr - Si  strada di Fondovalle  17
Pg – Tr - Si  strada del Felcino e delle Forconate  8
Siena  acquedotto rurale del Conicchio  18


Le opere sopra riportate, hanno comportato un costo aggiornato ad oggi vicino ai 7.000.000,00 di Euro.
L'esecuzione e la gestione delle opere di cui trattasi sono oggi di competenza delle province o dei comuni; pertanto non vi sono in corso progetti consortili per tali opere infrastrutturali.