SEDE
Via Trieste, n° 2
53044 CHIUSI STAZIONE (SI)
Tel 0578 20048 - 21212
Fax 0578 21618
E-Mail: consorzio@bonificachiana.it
P.E.C.: consorziobonificachiana@postecert.it

SEDE DISTACCATA DI ORVIETO
Via Gramsci, n° 9
05018 ORVIETO
Tel. 0763 344623

ORARIO DI APERTURA AL PUBBLICO

Sede e Ufficio di Chiusi
dal lunedì al venerdì
dalle ore 8:00 alle ore 14:00

Sede di Orvieto
giovedì dalle ore 9:00 alle ore 13:00

Nel periodo di emissione delle cartelle l’ufficio rimarrà aperto anche nel giorno di martedì dalle ore 9,00 alle ore 13,00

Informazioni riguardanti i dati catastali e gli avvisi di pagamento emessi per la riscossione dei ruoli annuali sono ottenibili telefonando al:

Tel: 0578 21905

L’accesso al pubblico per l’ufficio catasto è previsto nei giorni

lunedì – mercoledì - venerdì dalle ore 8,00 alle ore 14:00 venerdì: 9.00 – 13.00

AMMINISTRAZIONE TRASPARENTE

Home Page / Amministrazione Trasparente / Controlli sulle imprese
ultima modifica: 10/01/2020

Controlli sulle imprese

D. Lgs. n° 33 del 14 marzo 2013 - articolo 25
Obblighi di pubblicazione concernenti i controlli sulle imprese


1. Le pubbliche amministrazioni, in modo dettagliato e facilmente comprensibile, pubblicano sul proprio sito istituzionale e sul sito: www.impresainungiorno.gov.it:
a) l'elenco delle tipologie di controllo a cui sono assoggettate le imprese in ragione della dimensione e del settore di attivita', indicando per ciascuna di esse i criteri e le relative modalita' di svolgimento;
b) l'elenco degli obblighi e degli adempimenti oggetto delle attivita' di controllo che le imprese sono tenute a rispettare per ottemperare alle disposizioni normative.


Il Consorzio per la Bonifica della Val di Chiana Romana e Val di Paglia esercita il controllo sulle Imprese secondo i dettati del D. Lgs. n° 50 del 18 aprile 2016 e s.m.i, del D.P.R. n° 207 del 5 ottobre 2010, delle Linee Guida ANAC n° 1 e n° 4, del D. Lgs. n° 263/2016 e del proprio Regolamento per l’affidamento di lavori, forniture e servizi di importo inferiore alle soglie di cui all’art. 36, comma 2, del D. Lgs. n° 50/2016 e s.m.i.


ELENCO DEGLI OBBLIGHI E DEGLI ADEMPIMENTI OGGETTO DELLE ATTIVITÀ DI CONTROLLO CHE LE IMPRESE SONO TENUTE A RISPETTARE PER OTTEMPERARE ALLE DISPOSIZIONI NORMATIVE:

1 - Comunicazione conto corrente dedicato: Le imprese sono obbligate a comunicare i dati identificativi del conto corrente dedicato alle commesse pubbliche ai fini della tracciabilità dei flussi finanziari ex L.136/2010.
2 - Regolarità contributiva:L’amministrazione d’ufficio procede alla verifica della regolarità contributiva delle imprese attraverso l’apposito servizio “durc on line”. Non è più possibile autocertificare la regolarità contributiva per forniture e servizi inferiori a € 20.000,00 ai sensi dell’art. 4, comma 14 bis, D.L. 70/2011 convertito con la Legge n° 106/2011, stante l’intervenuta abrogazione del suddetto comma ad opera del d.lgs. n. 50/2016.
3 - Indicazione in fattura del Codice Identificativo Gara (CIG) generato
dall’amministrazione per ogni acquisizione relativa a lavori, beni e servizi e del Codice Unico Progetto (CUP) generato dall’amministrazione nei casi di cui all’art. 11 L. 3/2003 e ss. m. e i.



ELENCO DELLE TIPOLOGIE DI CONTROLLO CUI SONO SOGGETTE LE IMPRESE CON INDICAZIONE DEI CRITERI E DELLE MODALITA’ DI SVOLGIMENTO:

1 - Controllo di regolarità contributiva: attesta l’assolvimento da parte dell’impresa dei pagamenti e degli adempimenti previdenziali assistenziali e assicurativi nonché di tutti gli obblighi previsti dalla normativa vigente nei confronti di INPS, INAIL e CASSE EDILI. Il controllo viene eseguito d’ufficio, prima di eseguire il pagamento a favore dell’impresa, attraverso accesso al sistema “durc on line”.
2 - Controllo pendenze fiscali e/o tributarie: prima di effettuare pagamenti di importo pari o superiore ad € 10.000,00 a favore delle imprese, viene verificato d’ufficio se il beneficiario del pagamento è inadempiente all’obbligo di versamenti fiscali e/o tributari derivanti dalla notifica di una o più cartelle di pagamento. La verifica viene eseguita tramite accesso on-line al Servizio Verifica Inadempimenti gestito da Equitalia ed estrazione della relativa liberatoria ex art. 48-bis d.P.R. 29/09/1973 n. 602. Con decorrenza dal 1 marzo 2018, in applicazione della legge di stabilità 2018 (l. 205/2017) che ha ridotto, a partire dal 1° marzo 2018, da 10.000 a 5.000 euro il limite minimo di importo per la verifica dei pagamenti delle pubbliche amministrazioni prevista dall’art. 48-bis del DPR n. 602/1973 e per la verifica della regolarità fiscale prevista dall’art. 80, comma 4, del D. Lgs. 50/2016, la suddetta verifica viene condotta su importi pari o superiori a 5.000 euro.